Galbiate squadra per stare in alto

Galbiate squadra per stare in alto

Galbiate squadra per stare in alto

Il Galbiate punta in alto. La rosa costruita dallo staff biancoverde ha le carte in regola per disputare un torneo di serie D da protagonista.
Della squadra della passata stagione sono state confermate la palleggiatrice Elodie Visentin, l’opposto Carola Valsecchi, la banda Tae Kim, i liberi Chiara Mapelli e Roberta Dell’Orto. Nessuna novità in zona 3 con Carlotta Villa, Greta Stefanoni e Alessandra Milesi che faranno parte della rosa del Galbiate.

Le novità

Tre per ora le novità. In posto 4 ci sarà Anna Mapelli, l’anno scorso al Volley Team Brianza in serie C. Stesso ruolo per Manuela Perego, storica giocatrice della Picco Lecco, che dopo un anno di inattività dopo aver lasciato la Picco di serie B2, ha deciso di rimettere le scarpe da gioco. L’ultimo nuovo arrivo è in regia dove dal Missaglia è arrivata Chiara Commito: palleggiatrice con alle spalle qualche campionato di serie C.

Mercato aperto

Ma il mercato delle lecchesi non è ancora chiuso perché rimangono aperti due spiragli. Uno in zona 4 e uno per un opposto. «Dovremo riuscire a completare la rosa almeno con un altro elemento», confida il dirigente Marco Corti.
Fiducioso anche il tecnico Fabio Gritti. «Anna Monti mi darà una risposta a settembre. Deciderà se continuare o smettere. In settimana invece avrò un colloquio con una ragazza che arriva dalla bergamasca. Vedremo se sarà lei la quarta schiacciatrice da affiancare a Mapelli, Perego e Kim».
Perego è un acquisto importante. «Manuela dovrà recuperare dall’infiammazione alla spalla di cui soffre ma l’attenderemo con pazienza e fiducia. La sua presenza in palestra, seppur a ritmo ridotto, e nello spogliatoio è importante e preziosa».
Dal 27 agosto il via alla nuova stagione. «Siamo di certo una buona squadra per approcciare al meglio un campionato di serie D. Dalla fine di agosto inizieremo la preparazione lavorando duramente». Galbiate vuole tornare nella massima serie regionale ma sa che dovrà stringere i denti e sudarsi ogni punto sul campo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *