Prima big match Ungaro alza la voce Oliverio guarda avanti

Prima big match Ungaro alza la voce Oliverio guarda avanti

Prima big match Ungaro alza la voce Oliverio guarda avanti

Deluso dal big match Oscar Ungaro, tecnico del Pagnano, che però rilancia la sfida. «Nel primo set abbiamo risentito del ko interno subito nell’incontro di alta classifica con il Galbiate e siamo partiti male, 1-11. Poi giocando meglio siamo riusciti a recuperare ma il divario era troppo grande». Nel secondo set Pagnano alza bandiera bianca segnando 21 punti. «Abbiamo sofferto troppo in difesa».

Terzo con errori pesanti

Le recriminazioni sono per il finale del terzo set. «Sul 21 pari due errori arbitrali hanno concesso il break decisivo all’avversario. Peccato». Ma il pensiero corre già alle prossime partite. «Abbiamo dimostrato di essere un gruppo valido che può lottare ad armi pari con le pretendenti al titolo. Dobbiamo lavorare per superare i momenti di black out. La squadra è molto competitiva».

Oliverio

Felice Daniele Oliverio. «Organizzazione tattica e determinazione hanno fatto la differenza. Siamo stati concreti e ordinati in entrambe le fasi di gioco, quella di ricezione quella di difesa». Il primo allenatore dell’Emme Vi entra nel dettaglio della gara. «Tevere ha giocato molto bene smarcando spesso le nostre attaccanti. Martina Chiesa, De Capitani e Sodano sono state spine nel fianco per la difesa avversaria».

Crescita

«Stiamo migliorando nell’intesa e nella consapevolezza dei nostri mezzi. Ma dobbiamo continuare a crescere perché ci sono squadre che hanno molta più esperienza di noi».

Tabellino

PAGNANO 0

EMME VI 3

PAGNANO: Tentori, Vergani, Demontis, Malchiodi, Previtali, Mandelli, Santaniello, Bonanomi, Mainetti, Bianchi, Mattavelli, Cesana (L1), Mazzoleni (L2). All.: Ungaro.

EMME VI: Sodano, Spreafico, Corti, Valsecchi, Sottocasa, Tevere, Adamoli, Mariani, De Capitani, Ramini, M. Chiesa, F. Chiesa (L1), Adani (L2). All.: Oliverio – Redaelli.

ARBITRO: Frigerio di Lecco.

PARZIALI: 20-25 (25’); 21-25 (27’); 21-25 (27’).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *