Derby pagelle Picco Lancini top scorer Franco che attacchi

Derby pagelle Picco Lancini top scorer Franco che attacchi

Derby pagelle Picco Lancini top scorer Franco che attacchi

Stomeo 7,5: torna lucida in palleggio, la sua intesa con Arianna Lancini e Bruno è quella di inizio campionato: la sua palla strizza l’occhiolino a ogni attaccante. Sfrutta bene anche Ferrario e trova feeling con Franco che mette a segno 2 bei diagonali. Direttore d’orchestra ritrovato.
Franco 7,5: la solita prova di costanza e solidità a cui aveva abituato i tifosi biancorossi nelle prime gare. In più aggiunge buoni colpi in attacco e qualche muro. Completa ed efficace in ogni fondamentale. In grande crescita.
Arianna Lancini 8: trova fiducia nel corso dell’incontro e torna a essere il faro dell’attacco biancorosso. Balzi e attacchi sono dei giorni migliori. L’emozione da partita importante questa volta la lascia negli spogliatoi. Tolta dalla ricezione per 5 turni su 6 riesce a dare il meglio in attacco, alcune pipe sono spettacolari e riscrivono la legge della forza di gravità. Balzi da felino.
Spreafico 7: Sfebbrata, si riprende il posto di titolare. Parte subendo un ace e gettando out un attacco ma nel corso della partita riesce a assolvere bene il ruolo di collante della squadra. Equilibrata.
Ferrario 7,5: torna a dominare la scena in mezzo al campo. Alcuni muri sono pesanti e fanno male agli attaccanti avversari che poi cercano colpi al limite per superarla, commettendo molti errori. Dominante.
Bruno 7,5: non sbaglia un colpo nella serata in cui Stomeo non deve servirla con insistenza per cercare il punto, visto che la squadra gira bene. Le sue fast arrivano con il contagocce ma sono sempre letali e catalizzano il muro avversario. Non è un caso però che il primo attacco biancorosso la palleggiatrice ospite lo serva a lei. Riferimento.
Pastrenge 7,5: pochi errori e alcune difese spettacolari a cui aveva abituato i tifosi biancorossi. Un’altra pedina importante che dà solidità e sicurezza al reparto di seconda linea che sembra stia trovando equilibrio. Diga di difesa.
Corrente sv: spazio solo alla fine del terzo set quando il destino dell’incontro è già segnato.
Milano 8: dopo due sconfitte la partita di Olginate era una tappa importante e da non sbagliare per la sua squadra per rimanere in lizza per il primo posto. Lecco soffre fino al 12-10 del primo set per poi esplodere e comandare con una prova ordinata, senza sbavature e soprattutto, ritrovando pedine importanti per il gioco della Picco. Pochi fronzoli ed estrema capacità di concretizzare. Sul pezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *