Volley interviste, Cortesi: “Torno in campo; dagli spalti il tifo dei miei bimbi”

Alessandra Cortesi, parte seconda. L’ex banda biancoblù torna a vestire la casacca con cui ha mosso i primi passi nel mondo della pallavolo, dopo essere diventata mamma per la seconda volta.
Un ritorno alla pallavolo dopo che, nelle ultime due stagioni, Alessandra si è dedicata al ruolo di mamma: «Inizialmente pensavo di fare solo qualche allenamento ma poi la proposta è stata troppo allettante: la pallavolo mi è mancata».
Classe 1985, Cortesi è cresciuta nella Pallavolo Olginate facendo la trafila dal minivolley fino ai play off di serie C, prima di approdare alla Picco Lecco, casacca che ha vestito per quattro stagioni in B2. Ma resta un pezzo di storia della pallavolo Olginate. Qualche visita al palazzetto di via Campagnola non era mancata, ma tornare in campo è ben altra storia.
Come si può essere mamma di due bimbi e atleta di alto livello? «I miei bambini sono abituati a stare in palestra in settimana (Alessandra è sposata con Emilio Scuteri, fisioterapista del Verovolley). Ora ci staranno anche il sabato e la domenica. Sarò costretta a chiedere aiuto a nonni, che si sono già resi disponibili, e a mio marito».
Alessandra torna nella «sua» seconda famiglia. «Nel 2011, dopo 20 anni passati a Olginate, ho giocato alla Picco. Avevo dichiarato che l’allontanamento da Olginate sarebbe stato solo un arrivederci». A Lecco abbandona il numero 9, sulla spalle della bandiera biancorossa Manuela Perego, Alessandra vive 4 stagioni con con la maglia della Picco. «E’ veramente molto emozionante tornare nella palestra dove sono cresciuta ed è stato irresistibilmente emozionante vedere l’Olginate con questa luce nuova e con questo nuovo progetto. Ora sugli spalti, oltre ai miei genitori che non hanno mai perso una mia partita, a mio marito che non finirò mai di ringraziare per il continuo appoggio in questa mia decisione, non mancheranno i nostri tifosi più piccoli, i miei bambini Ricky e Edo, il primo di quasi due anni, il secondo di solo sei mesi. La pallavolo mi è mancata, la voglia è tanta, la testa è ben matura e l’entusiasmo non manca». Semaforo verde si parte: Alessandra Cortesi, diventata mamma, è di nuovo biancoblù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *