Volley serie B2f: Picco, serata amara; perso primato, addio anche ai play off

La Picco perde con Gorla che centra la promozione in B1 e dice addio anche ai playoff. E’ un responso amarissimo per le lecchesi, prima del match appaiate in testa alla classifica insieme alle varesine pronte a giocarsi l’incontro di una vita, ma ad alto rischio: tutto o niente, come si è verificato. Gorla si prende i 3 punti e vola in B1, Lecco resta con un pugno di mosche in mano e viene raggiunta dal Brembo che però la supera in classifica per aver vinto un numero maggiore di partite.
Kovakova indirizza il match, giocando sopra le righe come la compagna Sala: per i due centri varesine sarà una serata da ricordare. Poco incisivi invece quelli lecchesi, a fare i capricci anche la ricezione. L’equilibrio nel primo set dura poco fino a quota 4. Poi Gorla vola, viaggiando a doppia velocità rispetto all’avversario. In un attimo il punteggio recita 17-7. A Gorla riesce tutto con facilità e fluidità. Lecco invece è impacciato e si muove al rallentatore, ma dal 24-15 cambia marcia. Giudici picchia e Mazzaro dai 9 metri fa male, ma è tardi e chiude il muro di Kovakova (6 in totale). Quello della Picco invece non funziona (solo 4 i punti ottenuti a muro dalle biancorosse), e Gorla lo sfrutta. Secondo set con Lecco che non riesce a contrastare l’avversario. Nel terzo tutto sembra finito sul 17-10. Lancini però ci crede ancora e, con attacchi e servizi, riporta le compagne fino al meno 1 del 19-20. Gorla però riparte con una parallela di De Angelis e un muro di Kovakova. La festa è solo gialloblù.

Tabellino

GORLA 3
PICCO LECCO 0
COSMEL GORLA: De Angelis 10, Elli 8, Sala 11, Colonna 7, Kovakova 17, Roncato 3, Brogliato (L), Valli. N.e.: Amicone, Bressan ,Colombo, De Benedetti, Pombia. All.:  Lualdi – Speroni.
PICCO LECCO: Boscolo 2, A. Lancini 14, Ferrario 4, Mazzaro 10, Giudici 3, Quartarella 1, Pastrenge (L1); Perego, Ulaj. N.e.: Losa, Asiaghi, Moreschi (L2), M. Lancini. All.: Borgnolo  – Curioni.
PARZIALI: 25-19 (27’); 25-12 (23’); 25-20 (27’).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *