Festa Piccolginate: Menga: “Carattere, determinazione e cuore”; Tirelli: “Gestito al meglio il torneo”; Biffi : “Incredibile lavoro di squadra”

Tanto attesa ma ora La Elevationshop.com Piccolginate può festeggiare ufficialmente la promozione in serie B2. Una rimonta incredibile sul campo dell’Argentia, imbattuta fra le mura amiche fino a sabato sera, ha fatto raggiungere alle leoncine il primo traguardo stagionale. Programmata a settembre con uno sforzo incredibile per non lascaire nulla al caso è arrivata.
Che carattere – inizia subito coach Roberto Tirelli – Rimontare sul campo del Gorgonzola non è cosa da poco.
Il trainer milanese tira le somme di un anno vissuto sempre in prima fila.
Una vittoria difficile che corona un campionato che abbiamo saputo gestire al meglio.
Ma la stagione non è finita, anzi la Piccolginate già lavora per altri obiettivi.
Ora abbiamo altri traguardi da raggiungere e non dobbiamo mollare. Avremo due finali: una di Coppa il primo di maggio e una per lo Scudetto, che tra l’altro ospiteremo.
Felice anche il responsabile del progetto nato dalla collaborazione fra la Picco Lecco e Olginate, Gionatan Menga che elenca i tre principali aspetti che hanno permesso la realizzazione della promozione.
Determinazione, carattere e cuore: questa squadra è capace di far vedere queste qualità sabato sera ancora una volta l’abbiamo dimostrato. In una delle partite più complicate della stagione è arrivata la promozione in B2, costruita su ogni singolo punto. Certo, sulla carta si può pensare che sia stato tutto semplice, ma concretizzare ha ben altro significato. Un primo obiettivo è stato centrato e non posso che essere orgoglioso di queste ragazze che hanno creduto nel progetto.
Felice anche il presidente della Polisportiva Olginate, Samuele Biffi che esalta il gruppo.
Una promozione storica, raggiunta grazie a un grande lavoro di squadra dentro e fuori dal campo, a partire da un progetto concreto ideato e coordinato da Gionatan Menga. Non è stata una vittoria scontata, ma guadagnata giorno dopo giorno col lavoro e col sudore, che ha permesso di superare i momenti di difficoltà.
Raggiunto un obiettivo il presidente non si sente appagato e rilancia.
Ora sotto con la finale di coppa Lombardia e le finali scudetto
Piccolginate, una notte di festeggiamenti ma ora si torna in palestra perché l’appetito vien mangiando e la squadra di Tirelli e Sersale non è sazia e ha ancora due banchetti a cui non vuole restare a bocca asciutta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *