Volley serie B2: Picco corsa per il primato ma attenzione ai play off

Picco Lecco, obiettivo primato. A 3 giornate dal termine la battaglia per il primo posto nel girone B di serie B2 vede ancora protagoniste 4 squadre. Brembo (53 punti) che ha preso il comando nell’ultima giornata, Gorla (52) che l’ha perso nel turno precedente, la Picco Lecco (51) e Offanengo (50), giustiziere della ex capolista l’8 aprile. Ai play off invece accedono solo le prime 3, quindi il primo obiettivo lecchese deve essere quello della conquista del podio per continuare a sperare nel prestigioso traguardo della B1 che nei mesi scorsi ha spinto la dirigenza biancorossa a rinforzare la rosa di Borgnolo e Curioni con l’arrivo dell’opposto Giudici.
Il prossimo turno dovrebbe essere favorevole alla Picco che giocherà contro Esperia, penultima. Lecco non può fallire l’appuntamento con la vittoria mentre ci sarà il big match fra Gorla e Brembo: incontro che sarà uno dei passaggi chiave per il primato e che potrebbe chiarire molti ruoli. Offanengo sarà sul difficile campo di Alseno.
Nel penultimo turno invece Lecco affronterà fra le mura amiche la Normac Genova, formazione senza grossi obbiettivi, ma che all’andata dette un dispiacere alle lecchese battendole per 3-0. Brembo va sul campo della pericolante Marudo, in lotta per la salvezza, Gorla avrà un impegno con un avversario che giocherà con il coltello fra i denti, la Foppapedretti, formazione che anch’ella sta lottando per rimanere in serie B2. Il turno più agevole lo ha di certo Offanengo che ospita un Sanda che è in lotta per salvezza ma fuori casa dovrebbe essere meno pericoloso.
Sicuramente si arriverà all’ultimo turno con qualche verdetto per la parte alta da sancire. Lecco avrà uno scontro al vertice e dovrà recarsi sul campo del Gorla, altro scontro di alta classifica e dove i punti conquistati valgono doppio. Brembo ospiterà la Serteco Genova, Offanengo dovrà giocare sul campo del Casazza (all’andata finì 3-1 per le bergamasche), che però alla classifica potrebbe chiedere poco se non una vittoria di prestigio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *