Volley serie Cf: Mandello spuntato, Piccolginate trascinata da Caputo e Bottinelli

PICCOLGINATE 3
CART. DELL’ADDA MANDELLO 0

ELEVATIONSHOP.COM PICCOLGINATE: Rainoldi 10, Lissoni 11, Colombo 4, Caputo 11, Bottinelli 9, Indoni 4, Acquistapace (L1), Fusi. N.e.: Bonacina, Zucchi, Barbiero (L2), Conti, Rocca. All.: Tirelli-Sersale.
CARTIERA DELL’ADDA MANDELLO: Micheli, 3 Sacchi 5, Maresi 3, Lafranconi 2, Lavelli 7, Vizzini 6, Orietti (L), Mascheri, Cuciniello 2, Andreotti. N.e.: Pelacchi – Monti. All. Gritti.
ARBITRI: Veronese di Pavia e Vangone di Pavia.
PARZIALI: 25-13 (25’); 25-19 (26’); 25-18 (24’).

COMMENTO Festa Piccolginate, delusione Mandello. Risultato da pronostico ma la squadra di Gritti è parsa impacciata e incapace di scaricare sul terreno di gioco i cavalli del proprio motore. Micheli e Sacchi, complice una ricezione in affanno, non sono mai entrate nel vivo del gioco. Maresi non è parsa in giornata, sia nella costruzione del gioco sia nella precisione: e anche in battuta non è stata letale come al solito.
Con meno lecchesi in campo (solo Rainoldi e Colombo sono cresciute in provincia), e con qualche anno in più, la Piccolginate ha di fatto dominato e controllato match e adrenalina: decisive Caputo, in campo seppur in condizione non ottimale ma per due set letale e Bottinelli, capace di concretizzare al meglio le occasioni capitatale.
Il palazzetto è stracolmo, alcuni spettatori usano panche in legno e sedie recuperate nel palasport per seguire l’atteso evento. L’avvio è da derby sentito e cioè condito da errori: il primo punto «meritato» lo marca Bottinelli, 4-5; dal 7-9 il break locale. Lissoni dai 9 metri fa male, Mandello perde la testa, 13-10: Caputo scalda il braccio e alza la saricinesca, 17-11. L’altro allungo della Elevationshop.com arriva con Lissoni che concretizza il servizio ficcante di Rainoldi, 1-0. Secondo set con lo stesso copione con però Mandello che punge con qualche attacco dal centro. Dal 7-8 la Piccolginate accelera: Caputo protagonista, Colombo dai nove metri la scintilla. Bottinelli respinge due tentativi bluarancio di risalita, Vizzini ha qualche guizzo. Poi una palla dubbia non assegnata a Mandello consegna il set alle locali, 20-17. Un muro a uno di Rainoldi manda al tappeto in maniera secca le avversarie.
Terzo set con Gritti che lascia fuori Lavelli e riporta Lafranconi in 4 provando a trovare quadratura. La mossa dopo un brutto avvio, 6-1, sembra funzionare. Caputo è in riserva, Cuciniello è grintosa. Sul 13-16, Caputo al servizio, però la luce si spegne e Bottinelli non perdona.